Francesco Vultaggio nasce ad Erice (Trapani) nel 1982. Allievo del M° Simone Alaimo e della sig. ra Vittoria Mazzoni, compie il suo debutto operistico nel 2005 presso il Belcanto Festival di Dordrecht in Olanda, interpretando Uberto ne La serva padrona di G. B. Pergolesi. Successivamente viene selezionato dall’As.li.co. per il ruolo di Masetto nel Don Giovanni di Mozart. Debutta poi molti ruoli: il Dottor Malatesta nel Don Pasquale di Donizetti, il Conte di Zampano ne L’osteria di Marechiaro e Bartolo ne Il barbiere di Siviglia di Paisiello (quest’ultima con la direzione del M° Donato Renzetti), Guglielmo nel Così fan tutte (sempre per il circuito As.li.co. dove canta poi Haly ne L’italiana in Algeri di Rossini), Cesare Borgia in Ginevra di Morreale, opera di P. Combi in prima esecuzione moderna, Enrico ne Il campanello di Donizetti presso l’Opera Fringe Festival di Downpatrick (Irlanda).

Nel 2009 è Sulpizio ne La figlia del reggimento di Donizetti per la stagione del circuito As.li.co, con la direzione del M° A. D’Agostini e la regia di Andrea Cigni.

Nel 2010 è scelto per frequentare l’Accademia Rossiniana del Rossini Opera Festival a Pesaro sotto la guida del M° Alberto Zedda, ed interpreta quindi Don Profondo ne Il viaggio a Reims, con la regia di Emilio Sagi e la direzione del M° Andrea Battistoni.

Canta quindi i ruoli di Betto di Signa ne il Gianni Schicchi di Puccini al Teatro Vittorio Emanuele di Messina, il Dottor Malatesta per l’Ente Luglio Musicale Trapanese, Procolo ne Le convenienze ed inconvenienze teatrali di Donizetti per il Teatro Bellini di Catania (direzione del M° W. Humburg e regia di Beppe De Tomasi), Belcore ne L’elisir d’amore al teatro di Sassari, Schaunard ne La bohème al Teatro Coccia di Novara, il Conte d’Almaviva ne Le nozze di Figaro, il Dottor Malatesta, Prosdocimo il Poeta ne Il turco in Italia di Rossini di nuovo a Catania.

Nel 2013 debutta Figaro ne Il barbiere di Siviglia di Rossini per il Teatro Pirandello di Agrigento (ruolo che riprenderà poi per l’As.li.co., l’Ente Luglio Musicale Trapanese, la Rete Lirica delle Marche, il Teatro Vespasiano di Rieti, il Teatro Massimo di Palermo, per la Saison de musique de l’Universitè Antonine di Beirut).

Debutta quindi i ruoli di Dulcamara ne L’elisir d’amore e Michonnet in Adriana Lecouvreur di Cilea per il Circuito As.li.co. e il Teatro di Sassari, Don Alfonso in Così fan tutte di Mozart presso la St. George Hall di Liverpool ed Emilio ne Il cappello di paglia di Firenze al Teatro Petruzzelli di Bari.

Nel 2014 è Schaunard ne La Bohème al Teatro Filarmonico di Verona.

Per il Teatro Massimo di Palermo canta i ruoli di Figaro, Il maestro di cappella di Cimarosa, Matheo in Frà Diavolo di Auber, Taddeo ne L’italiana in Algeri di Rossini, Dulcamara ne L’elisir d’amore, e prende parte, inoltre, ad uno spettacolo ideato dall’attrice Teresa Mannino su La traviata, “Teresa Valery”, nel quale canta parti del ruolo di Germont.

Nel 2016 è Dulcamara al Royal Opera House di Muscat (Oman) per il Teatro La Fenice di Venezia.

Per l’Ente luglio Musicale Trapanese canta poi Uberto ne La serva padrona, Ping in Turandot, Cendrillon di Viardot, Sharpless in Madama Butterfly, Ramiro ne L’heure espagnole di Ravel, Enrico ne Il campanello di Donizetti.

A Beirut interpreta il Conte d’Alamaviva ne Le nozze di Figaro, Belcore ne L’elisir d’amore e canta nel Requiem di Mozart e la Petite Messe Solemnelle di Rossini.

Interpreta poi Marcello ne La bohème per il Teatro delle Muse di Ancona, Don Profondo ne Il viaggio a Reims presso il Teatro di Kiel, Dulcamara al Teatro di Manila, Cascada ne La vedova allegra di Lehar presso il Teatro Filarmonico di Verona.

Il 2019 lo vede protagonista di importanti debutti: Gianni Schicchi al Teatro Coccia di Novara, Enrico in Lucia di Lammermoor al Macedonian Opera and Ballet di Skopje e Dandini in Cenerentola per il Teatro Massimo di Palermo. Prende parte inoltre al Viaje Barroco, spettacolo andato in scena presso il Teatro Colon di Bogotà, al fianco dell’étoile Fernando Montano. Ad ottobre è Germont ne La traviata nella tournée giapponese del Teatro Verdi di Trieste, con la direzione del M° F. Carminati e la regia di Giulio Ciabatti.

A gennaio/febbraio 2020 sarà Masetto nel Don Giovanni di Mozart presso il Teatro Verdi di Pisa e il Teatro Sociale di Trento e Dulcamara ne L’elisir d’amore al Teatro La Fenice di Venezia.

 

Ha collaborato con molti direttori d’orchestra, tra cui Carminati, Renzetti, Ferro, Maniaci, Alapont, Percacciolo, Battistoni e altri, cantando in teatri di numerose città, tra cui Como, Cremona, Brescia, Pavia, Verona, Catania, Palermo, Ascoli Piceno, Fermo, Bari, Foggia, Sassari etc.

 

Vincitore di numerosi concorsi internazionali, tra cui il Concorso Internazionale Giuseppe di Stefano, Voci del Mediterraneo di Siracusa, Premio Santa Chiara, Concorso As.li.co., Concorso Internazionale Arena di Verona.